I MAGI CHI SONO?

Seguivano una stella straordinaria alla ricerca di un Re.” La Luce era la vita degli uomini.” Giov. 1,4. Cercavano la vita, quella vera.

Dotti i e ricchi erano tuttavia insoddisfatti di come la trascorrevano. Possedevano tutto ciò che si può desiderare ma un’ansia li spingeva a scrutare un segno che desse risposte alle loro inquiete domande: cosa ci può essere oltre quello che abbiamo, chi siamo, dove andiamo, qual è il fine di tutte le cose?

Decisero di seguire la stella fin dove sarebbe giunta. Ma il viaggio fu lungo e faticoso, irto di pericoli e imprevisti: dovettero perfino domandare quel che dicevano le antiche profezie e alla fine giunsero a Betlemme dove rividero con chiarezza la stella che li aveva guidati fermarsi presso una grotta dove resi certi dalla medesima, non ebbero difficoltà ad inginocchiarsi ai piedi della culla del Bambino. Era il Re che cercavano: lo adorarono e gli offrirono di cuore i loro doni. Avevano capito le risposte ai loro quesiti e soprattutto il significato della vita che è dato da una luce che bisogna seguire e farsi condurre affidandoci senza paura perché non erra.  Questa è la storia di ognuno di noi; anche noi siamo dei magi col desiderio di ricercare l’immenso e il profondo del nostro cuore che ha voglia di conoscere la Verità, di amare tanto, di coltivare la parte più nobile di noi stessi, di essere felici. Quando ritrovarono   la stella i magi gioirono di una gioia molto grande dice il Vangelo.

Ecco il segreto: la stella l’abbiamo dentro di noi. Siamo stati creati da Dio e per Iddio e non possiamo ignorarlo pena una grande infelicità, insoddisfazione, inquietudine.

Cerca in questa direzione e ti sentirai bene. Dio completa la nostra vita colla sua Parola e con la sua presenza, i suoi doni. Quando ti senti vuoto, stanco, triste questo è il segno che hai urgente bisogno di Lui. Non illuderti nessuna cosa può essere risolutiva, nessuna realtà terrena può tirarti fuori dall’abisso della tua anima perché ce l’hai davvero l’anima ed è fatta per Colui che l’ha creata e la conosce bene e sa come nutrirla e farla crescere nella dimensione divina: “non sapete che voi siete dei!” dice la Scrittura.

E’ questo l’errore dei tempi nostri: pensare di vivere senza Dio che deve essere ad ogni costo ricercato, amato e soprattutto testimoniato.

E’ la mancanza di testimonianza che rende la vita cristiana astratta e falsa

La gioia di vivere con coerenza e di mostrare ciò in cui si crede è la sostanza della moralità e dirittura interiore e del benessere psichico e spirituale

I magi tornano ancora quando si esce da una vita morale passiva e affrontando disagi e rinunce andiamo diritti allo scopo che è congiungere l’uomo a Dio e mantenerlo tale.

Questo è il grave pericolo del nostro tempo, tutti gli altri mali ne sono conseguenza.

Lo studio accademico, purché appassionato, fa parte della ricerca che abbiamo raccontato perché è conoscere il pensiero e la vita di chi ha cercato prima di noi: Il grande fiume del sapere e della sapienza ha tanti rivoli e tutto contribuisce all’innalzamento del valore umano e ridesta il desiderio dell’infinito poiché nulla è fine a se stesso ma tutto procede verso il fine ultimo

che è Dio stesso che ha dato all’uomo l’intelligenza e di cercarlo e trovarlo.

Credo per capire e studio per arrivare a credere.

                                                       don Alessandro Rugi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *